La donazione di sangue per le donne non ha alcuna controindicazione. Tuttavia lo Stato, attraverso il D.M. 03/03/2005 "Protocolli per l’accertamento della idoneità del donatore di sangue ed emocomponenti", proprio in considerazione del problema rappresentato nella domanda, cautela le donne imponendo un massimo di due donazioni l’anno, che, invece, per l’uomo salgono a quattro. Il monitoraggio costante della emoglobina e del ferro, effettuata preliminarmente ad ogni donazione, assicurano la tutela della salute delle donatrici. Esse inoltre risultano particolarmente "adatte" alla donazione di plasma mediante aferesi che non incide assolutamente sulla parte corpuscolata (globuli rossi, globuli bianchi, piastrine).

Go to top